Osmani: L'Europa dovrebbe prendere una posizione decisiva, imporre sanzioni contro la Serbia
notizie
Leggi di più: 3 min.
9 mesi fa
Il collegamento è stato copiato

Il presidente del paese, Vjosa Osmani, ha affermato che è essenziale che l'Europa e l'intera comunità euro-atlantica prendano una posizione decisiva e impongano sanzioni contro la Serbia e il suo presidente, Alexander Vuçiq. Lei ha detto che non possono chiudere gli occhi davanti alle prove che dimostrano il coinvolgimento della Serbia nell'atto di aggressione contro la Repubblica del Kosovo.\

Osmani è intervenuto al ricevimento organizzato dall'ambasciata tedesca a Pristina, in occasione della Giornata della riunificazione tedesca.

Lì ha ringraziato i tedeschi che, secondo lei, sono stati al fianco del Kosovo nei momenti molto difficili.

"Apprezziamo molto la volontà della Germania di aumentare la propria presenza militare in Kosovo come parte delle missioni KFOR. Così oggi, mentre celebriamo l'unione della grande nazione tedesca, non possiamo chiudere gli occhi di fronte alle prove che dimostrano il coinvolgimento della Serbia nell'atto di aggressione contro la Repubblica del Kosovo. È essenziale che l’Europa e l’intera comunità euro-atlantica prendano una posizione decisa e impongano sanzioni contro la Serbia e la Serbia Vuçiqit, inviando un chiaro messaggio che gli atti terroristici e gli atti di aggressione contro un Paese sovrano, indipendente e democratico non saranno tollerati e che la Serbia deve assumersi la responsabilità", ha affermato Osmani.

L'ambasciatore tedesco in Kosovo, Jorn Rohde, ha iniziato il suo discorso esprimendo solidarietà al Kosovo, dopo l'attacco terroristico del 24 settembre.

Ha detto che la Germania sarà sempre al fianco del Kosovo nella difesa della sua legittima posizione.

"L'attacco della scorsa settimana è stato un attacco all'integrità territoriale del Kosovo. Abbiamo pianto questa perdita di vite umane insieme alla famiglia di Afrim Bunjak e all'intero paese. E usiamo questo attacco per riaffermare che saremo sempre al fianco del Kosovo nel difendere la sua legittima posizione come membro sovrano della famiglia europea, perché siamo fermamente convinti che ciò che era vero per la Germania unita nel 1990, rimane vero per il Kosovo e il resto del mondo. intera regione oggi.

D'altro canto, il primo ministro Albin Kurti ha menzionato anche il processo di Berlino, che secondo lui potrebbe fungere da forza trainante per la possibile integrazione dei sei paesi dei Balcani occidentali nell'Unione europea.

"Crediamo fermamente in questo processo. Non è solo una vera chiave per innescare la cooperazione e lo sviluppo nella nostra regione, ma può fungere da forza trainante per la piena integrazione nell'Unione europea per i sei paesi dei Balcani occidentali, abbattendo i muri immaginari, unendo meglio e più forte", ha detto Kurti.

La notizia completa è nel sistema prepagato.

Questo sito web è mantenuto e gestito da Agenzia di stampa KosovaPress. KosovaPress detiene i diritti d'autore riservati secondo le disposizioni legali sul diritto d'autore e sulla proprietà intellettuale. L'uso, la modifica e la distribuzione per scopi commerciali senza accordo con KosovaPress sono severamente vietati.
Questa applicazione del sito web è sviluppata con il supporto di #ProgrammaSustainMedia, cofinanziato dall'Unione Europea e dal Governo tedesco, la parte realizzata da GIZ, DW Akademie e Internews. Il suo contenuto è di esclusiva responsabilità di KosovaPress e non riflette necessariamente le opinioni dell'UE o del governo tedesco.
Tutti i diritti riservati APL KosovaPress © 2002-2024